Acquisizioni e gioco d’azzardo, qual è il legame?

| |

  1. Home
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Entertainment
  6. /
  7. Acquisizioni e gioco d’azzardo,...

Last Updated on 2022/02/17

Un’analisi approfondita che porta a parlare del legame tra finanza e gambling. Un qualcosa che in realtà nasce da molto lontano

Acquisizione. Questa è una parola attorno a cui ruota tutto. Una parola che assume al giorno d’oggi una grandissima importanza in economia. Entrando maggiormente nel dettaglio, si può dire che si tratta di un’operazione di finanza straordinaria, mediante la quale un’impresa diventa proprietaria di una partecipazione di controllo in un’altra, oppure la incorpora tramite fusione. Insomma, un qualcosa che, a primo impatto, pare davvero molto complicato. Lo strumento principale utilizzato è l’acquisto di azioni. Queste ultime, quando si parla delle imprese quotate in borsa, si realizza attraverso un’offerta pubblica di acquisto, definita OPA. Ma l’argomento è in realtà molto più dettagliato.

Innanzitutto va detto che l’acquisizione è completata diversa dalla fusione. Infatti nella prima la società incorporante e quella incorporata mantengono le originarie strutture giuridiche, mentre nella seconda viene creata una nuova entità giuridica che quindi sostituisce quelle originarie, che cessano di esistere. Ma qual è l’obiettivo di tutto ciò? La principale finalità potrebbe essere il consolidamento e il risanamento dell’impresa. Dietro questo processo però c’è un sistema molto complesso, in quanto devono essere cambiati e modificati tutti gli assetti di un’azienda. Non a caso si sta parlando di un percorso molto lungo e tortuoso, ma che, una volta completato porta degli innumerevoli vantaggi e benefici, in primis sul mercato.

Ma, entrando un po’ di più nel concreto, dove sono state applicate e dove hanno trovato terreno fertile le acquisizioni? Il pensiero va al settore del gioco d’azzardo. Perché, com’è risaputo, a farla da padrone in questo comparto sono dei veri e propri colossi, che riescono ad andare avanti a colpi di acquisizioni. Un esempio importante, come riporta Giochidislots, può senza alcun dubbio essere l’acquisizione di Sisal da parte di Flutter Entertainment. Un’operazione che ha avuto il valore di due miliardi di euro.Dunque si parla di cifre molto importanti e che fa capire come la parola d’ordine sia investimenti. Non a caso in Italia le prime acquisizioni risalgono addirittura al 2008, anno in cui il mercato del gioco ha iniziato ad essere considerato maturo. Un qualcosa che ha dato il là a una crescita importante.

Le acquisizioni più importanti hanno riguardato il settore delle scommesse, che hanno sempre fatto da traino al gambling, soprattutto in un paese come l’Italia dove il gioco è religione. Va ricordato in particolar modo, vista la sua portata, l’acquisto delle agenzie del gruppo William HillCodere Italia per una somma di 5,5 milioni di euro da parte di Intralot. Un destino molto simile è capitato al colosso inglese Ladbrokes. Infatti quest’ultimo è stato acquisito da parte di Cogetech SpA. Dunque il gioco d’azzardo è stato teatro di veri e propri cambiamenti. Cambiamenti che in realtà hanno preso il via dieci anni fa, o forse anche di più. Una totale rivoluzione che ha poi creato terreno fertile per delle vere e proprie partnership, che sono poi alla base del marketing. E quando si parla di marketing non può venire in mente colei che domina il mercato italiano, ossia Lottomatica. Questo brand può vantare 3.000 punti scommesse, 1.400 sale giochi, 13.600 tabaccherie/bar e circa 120 sale da gioco. Numeri che, nel 2022, fanno la differenza.

Previous

The 20+ best Italian Directors of All Time

Get new posts by email:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.